Ristrutturare casa? Tutti gli incentivi del 2017!

L’inizio dell’anno è di solito, il momento migliore per pianificare nuovi progetti e realizzare nuovi propositi; sicuramente il miglioramento della nostra casa è una voce che rientra nella lista.

La recente legge di stabilità approvata l’11 dicembre 2016 ha confermato i bonus fiscali per chi ha intenzione di effettuare la ristrutturazione della propria casa o ne migliora l’efficienza energetica e in più ci sono alcune novità.

ristrutturazione casa

Ecco tutti i punti da sapere:

  • Detrazioni fiscali

Se ristrutturi casa entro il 2017 hai diritto ad uno sgravio fiscale pari al 50% sulla spesa, pari ad un massimo di 96.000€. La cifra sarà detratta in 10 anni dall’Irpef, è sufficiente inserirla nella dichiarazione dei redditi 2018. Rientrano all’interno del bonus anche i lavori necessari per la ricostruzione o il ripristino di un immobile danneggiato a seguito di una calamità, a condizione "che sia stato dichiarato lo stato di emergenza". Il bonus fiscale può richiederlo il proprietario di casa ma anche chi è in affitto, basta conservare le fatture e pagarle tramite il cosidetto “bonifico parlante” in cui compaiono i dati dell’impresa, i tuoi e il riferimento all’articolo 16 bis del DPR 917-1986.

shutterstock_273522035

  • Sconti per chi acquista edifici ristrutturati

Il bonus è spendibile anche se acquisti da un’impresa edile un immobile già ristrutturato, e puoi detrarre il costo della casa fino ad un massimo di 96.000€, basta chiarire nell’atto di acquisto che l’impresa venditrice è la stessa che ha eseguito i lavori di ristrutturazione della casa. Nel caso si acquisti una casa nuova col box, è invece possibile ottenere la detrazione del 50% di quest’ultimo, basta che nel contratto di acquisto i prezzi dei due immobili siano ben distinti.

a301compravendita-rischi-immobiliare_2

 

  • L’ecobonus

E’ riconfermata la detrazione del 65% sui lavori di miglioramento di efficienza energetica, come ad esempio la sostituzione degli infissi o la sostituzione della vecchia caldaia o l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda.  Inoltre la detrazione aumenta se l’immobile è un condominio: lo sgravio sale al 70% per una spesa massima di 40.000€ a condomino, sempre che i lavori interessino il 25% della superficie esterna dello stabile (es. in caso di cappotto termico). La detrazione può sfiorare il 75% se la riqualificazione energetica ne migliora le prestazioni energetiche, non solo invernali ma anche estive. Il bonus sarà spalmato nell’arco di 10 anni.

Per avere l’ecobonus si deve presentare una dichiarazione all’Enea allegando una certificazione compilata dal responsabile dei lavori, per avere maggiori informazioni andate sul sito www.efficienzaenergetica.acs.enea.it.  E’ inoltre importante conservare ogni fattura e ricevuta del bonifico parlante, che deve far riferimento alla legge 296/06, da allegare alla dichiarazione dei redditi 2018.

shutterstock_178882763

Lascia un commento